Piccoli spazi in camera da letto: come scegliere il letto contenitore più adatto

Ambienti sempre più piccoli hanno portato a sviluppare soluzioni salvaspazio sempre più utili, anche in camera da letto. Il letto contenitore ne è un esempio, non solo per poter contare su un ulteriore spazio contenitivo, ma anche per organizzare al meglio la camera da letto.

Piccoli spazi in camera da letto, come scegliere il letto contenitore più adatto:

  1. Come scegliere un letto: struttura e dimensioni
  2. Quale letto contenitore: i due meccanismi di reti alzanti, funzionalità ed ergonomia
  3. Quale materasso per letto contenitore
  4. Come organizzare il letto contenitore
  5. Come pulire il letto contenitore

1. Come scegliere un letto: struttura e dimensioni

Per capire quale sia la scelta più giusta da fare per l’acquisto di un letto contenitore o di un letto fisso standard, è necessario sapere come possiamo personalizzare il nostro letto.

Nella collezione NOTTE. di Febal Casa, ogni modello di letto si differenzia per la testata caratterizzata da stile e materiali diversi: possiamo optare per un letto con testata in pannello o per un letto con testata imbottita (clicca qui se vuoi approfondire quale testata scegliere).

Una volta definita la testata, la personalizzazione prosegue con la scelta del giroletto: la struttura che “abbraccia” tutto il perimetro della rete al fine di nasconderla per garantire un risultato estetico gradevole senza influire sul comfort. Anche questo elemento della struttura è personalizzabile con diverse configurazioni di materiali, finiture e design. 

Con la collezione NOTTE. puoi dare sfogo a gusto e creatività potendo contare su più di 150 rivestimenti tra cui scegliere e più di 30 finiture in nobilitato e laccato opaco per configurare il letto più adatto alla tua camera. Una volta scelto lo stile del tuo nuovo letto verifica le dimensioni e soprattutto gli ingombri: per dimensioni si intendono le misure della rete, mentre per ingombri si intendono le misure complessive che la struttura impegna nella camera da letto e variano da modello a modello.

Scegli la misura della rete con doghe in legno a seconda degli spazi e del comfort, da un minimo standard di L 160 x P 190 cm a misure maggiorate come L 160 x P 200 cm e L 180 x P 200 cm.

2. Quale letto contenitore: i due meccanismi di reti alzanti, funzionalità ed ergonomia

Una volta definite le misure di rete e struttura, occorre scegliere che tipo di meccanismo contenitore va opzionato. Nella collezione NOTTE. puoi scegliere tra due tipi di meccanismi:

  • letto con rete alzante a doghe in legno
  • letto con rete alzante e traslante a doghe in legno

Il primo ha un movimento standard, quindi la rete fa perno sulla testa e alza la parte dei piedi, come mostrato in figura. Questa soluzione ti garantisce un accesso facile, più ampio nella parte finale della rete, e un po’ più stretto nella parte iniziale. Ad ogni modo risulta essere una pratica soluzione salvaspazio.

La rete traslante, a differenza della prima soluzione, oltre ad avere il movimento standard, una volta sollevata si sposta portando il materasso in posizione orizzontale ad un’altezza maggiorata. Grazie a questo movimento ulteriore funzionalità e ergonomia sono garantite: il vano contenitivo è accessibile in egual misura lungo tutto il suo perimetro, e cosa più importante, tutte le operazioni di cambio lenzuola risultano agevolate in quanto il materasso si trova ad un’altezza che non obbliga ad operare chinati e sforzare così la schiena.

3. Quale materasso per letto contenitore

La collezione NOTTE. ti permette di scegliere tra diverse tipologie di materassi, non esiste il materasso perfetto per tutti, ognuno deve trovare il suo in base al comfort che ricerca.

Le soluzioni a disposizione sono diverse, da quelli in Ecofoam schiumato ad acqua a cellula aperta traspirante a quello a molle insacchettate o a micromolle insacchettate abbinate ad uno strato di poliuretano alto spessore.

Per i letti contenitore occorre optare per un materasso che garantisca la giusta traspirazione come gli Ecofoam e i materassi con le molle. In generale i materassi in lattice vengono sconsigliati in quanto la loro struttura chiusa raccoglie umidità. Se opti per un materasso in lattice, per evitare l’eventuale formazione di muffe nel contenitore sottostante, ricordati di far arieggiare periodicamente il contenitore lasciando la rete alzata per far respirare la parte inferiore del materasso.

4. Come organizzare il letto contenitore

Rispolveriamo tutte le nozioni di geometria e partiamo con il suddividere mentalmente l’ingombro generale rettangolare del letto grazie ai contenitori di plastica o cartone che possiamo reperire facilmente nei negozi fai da te. Per un utilizzo pratico e immediato il consiglio è quello di andare a stoccare oggetti voluminosi che ruberebbero troppo spazio nell’armadio e suddividere così i contenitori per tipologia: biancheria invernale come piumone, coperte, trapunte si prestano a essere raccolte insieme. Lenzuola, copriletto e copri cuscini invece possiamo raggrupparli in un altro contenitore. Biancheria per gli ospiti in un altro contenitore ancora.

Se non puoi contare su un armadio molto capiente, utilizza il contenitore sotto il materasso per il temutissimo cambio di stagione: essendo un’operazione annuale per risparmiare ulteriore spazio scegli i sacchetti sottovuoto per garantirti ingombri contenuti. In caso di contenitori non trasparenti, le etichette ti aiuteranno a individuare subito il contenuto.

Quando disporrai i contenitori, ricorda che lo spazio al centro del letto è quello meno pratico da raggiungere quindi posiziona in quell’area gli oggetti che sai di usare meno frequentemente.

5. Come pulire il letto contenitore

La polvere, nemico numero uno della casa, adora banchettare anche nel contenitore sotto il materasso, quindi non esitare a utilizzare gli appositi contenitori, meglio se dotati di coperchio, o se in tessuto, di cerniera superiore.
Se il bricolage è il tuo punto forte puoi divertirti a creare dei sacchetti profumati con la lavanda e i chiodi di garofano da lasciare nei contenitori: oltre a regalarti un piacevole profumo, possono vantare proprietà antisettiche e antimuffa.

Il consiglio è quello di svuotare e pulire il contenitore sotto il letto almeno due volte l’anno, ed è bene evitare di riporre oggetti come scarpe, pattini, valigie e tutti quegli oggi che sono entrati in contatto con la strada. Se decidi di pulire il contenitore con dei detergenti, assicurati che sia ben asciutto prima di riporre le scatole. Se temi che l’umidità possa rovinare il contenuto procurati le bustine in gel di silice facilmente reperibili presso una ferramenta o un e-commerce.

Per ogni Sogno, un Progetto.

Richiedi informazioni ora: i nostri Interior Designer sono a disposizione per aiutarti a sviluppare la tua idea di arredo e trovare insieme la soluzione più adatta alle tue esigenze abitative.

Rimani aggiornato sulle novità
del mondo Febal Casa.
Iscriviti alla newsletter