Cucina con finestra: come sfruttarla al meglio

L’illuminazione in cucina è importante. E anche la stessa luce naturale è un elemento essenziale da considerare in fase di arredo. L’ambiente deve essere ben illuminato in corrispondenza del piano di lavoro, dei fuochi e del lavabo. Non per niente nei paesi scandinavi, dove sfruttare la luce naturale il più possibile è un’esigenza precisa, con conseguenti ricadute positive in tema di risparmio energetico e di ecologia, la cucina con finestra sul lavello è una consuetudine.

La migliore soluzione per l’angolo cucina con finestra

La finestra in cucina non va considerata come un problema da risolvere. Serve a cambiare aria, eliminare gli odori e fare entrare la luce preziosa per lavorare così come per ampliare visivamente lo spazio della stanza. Ecco perché conviene considerare attentamente le diverse possibilità di disposizione dei mobili in funzione delle finestre della cucina, anche in caso di una ristrutturazione con una variazione di posizionamento della cucina stessa.

Una delle soluzioni più semplici per godere della luce di una finestra sulla cucina intera è inserire l’apertura luminosa verso l’esterno proprio tra i pensili. Lo spazio al di sotto non viene sprecato se si montano basi che poggiano su zoccoli da 10 cm (anziché gli zoccoli standard da 12 cm o 15 cm), come quelli proposti dalla collezione Cucina. Febal Casa per le cucine con basi sotto la finestra. Questa è la soluzione più praticata anche quando si ha proprio l’angolo della cucina con la finestra, perché permette di sfruttare lo spazio sottostante con cestelli sagomati estraibili studiati appositamente per le soluzioni angolari.

La finestra della cucina sul lavello: un sogno che diventa realtà

Quello della cucina con finestra su lavello o sul piano di lavoro è una tradizione che viene dai Paesi del Nord e d’oltreoceano. Anche da noi sta diventando un must delle cucine moderne, nonostante il timore che l’apertura della finestra sul lavello della cucina possa interferire con la rubinetteria. Effettivamente è così se non si scelgono rubinetti adeguati. Chi desidera lavare i piatti guardando il panorama oltre la finestra della cucina può farlo, a patto di montare un miscelatore reclinabile oppure un miscelatore con canna a scomparsa ed estraibile. Oppure si può posizionare il rubinetto in asse con l’apertura della finestra a battente.

Un’altra valida alternativa è sostituire gli infissi con finestre scorrevoli orizzontali o verticali (i modelli a ghigliottina americani), o con comode finestre a vasistas. Pensi che potrebbe porsi il problema dello scolapiatti? Anche in questo caso le soluzioni sono molteplici. Perché rinunciare al piacere del lavello sotto la finestra in cucina quando si può collocare uno scolapiatti a carrello estraibile dentro la base vicino al lavello? Sarebbe un vero peccato rinunciare anche perché questa disposizione risolve egregiamente il problema di ottimizzare gli spazi in una cucina angolare con finestra sul lato corto.

Una cucina con finestra sul piano cottura

A volte, per problemi di scarichi e di allacciamenti scomodi, diventa impossibile posizionare il lavello sotto la finestra della cucina ma, come abbiamo detto, resta possibile l’opzione di collocare una base con il piano di lavoro. Oppure c’è la possibilità di mettere il piano cottura sotto la finestra della cucina. E se il timore è quello di mandare a fuoco le tende o di non poter sistemare la cappa sopra i fornelli, basta scegliere un piano cottura a induzione con cappa integrata. Non c’è nemmeno la seccatura di pensare al gas, visto che serve solo l’elettricità. E si può preparare la cena osservando le stelle.

Rimani aggiornato sulle novità
del mondo Febal Casa.
Iscriviti alla newsletter